11 dicembre 2017

Fico Eataly World?


Un mese fa ha aperto a Bologna uno dei più grandi parchi sul tema delle produzioni agricole e alimentari. Si chiama Fabbrica Italiana COntadina, cioè FICO, è proprietà delle COOP e di Oscar Farinetti, il fondatore di Eataly.
Disposta su 10 ettari di terreno e con quasi mille aziende rappresentate, direttamente o indirettamente, è la più recente impresa di Farinetti.
Fico Eataly World inizia in un'epoca in cui, almeno in Italia, si è spenta la moda di Eataly.
L'idea di Farinetti era quella di fidelizzare i clienti con gli assaggi, le degustazioni, più uno story-telling sulla bontà unica dei prodotti presenti sui banchi di vendita.
 Il successo di Eataly nel mondo è stato veloce e strepitoso, Giappone escluso; ma in Italia l'effetto novità sembra ormai tramontato e l'impresa sta vivendo le sue prime difficoltà.
Si intuisce che il nuovo centro commerciale FICO  dovrebbe essere, nelle intenzioni del suo principale proprietario, un contenitore traino di tutte le altre attività Eataly, una specie di capitale dell'impero di Oscar Farinetti.
100mila metri quadri di enogastronomia italiana e mille aziende rappresentate su dieci ettari possono destare interesse. 
Con 2000 cultivar, 200 animali e 40 fabbriche di produzione vegetale e animale FICO può essere trainante per il territorio in cui sorge e può influenzare anche tendenze di sviluppo nazionale come è già accaduto con i negozi di Eataly.   Ma le critiche fioccano: "FICO", probabilmente, non rappresenta la realtà della filiera "bassa" in agricoltura, nè i valori di un'agricoltura verde e sostenibile, finalizzata al benessere di tutti. 
Farinetti, inoltre, soffre della fama dell'imprenditore eccessivamente spregiudicato e l'amicizia con Renzi, che molto gli aveva giovato all'inizio del suo successo, ora sembra più ingombrante. 
Molti studenti bolognesi contestano l'alternanza scuola-lavoro a Fico Eataly World, che prevede l’obbligo per gli studenti dell’ultimo triennio delle superiori di fare un’esperienza formativa.
Farinetti, dicono gli studenti dei collettivi studenteschi di Bologna, non manca certo di risorse finanziarie per assumere e invece sta proponendo esperienze di scuola-lavoro che sono forme di sfruttamento degli studenti che lavoreranno gratis nel grande centro.
Marta Fana, ricercatrice all’università Sciences Po di Parigi, autrice di  "Non è lavoro, è sfruttamento",  sostiene che bisognerà vedere quante saranno le assunzioni stabili e quanti i contratti di somministrazione, del tutto precari, prodotti da FICO. 
La ricercatrice contesta i finanziamenti, i "400.000 Euro", dati dalla Regione Emilia-Romagna a Farinetti per la formazione professionale, e il fatto che si utilizzeranno migliaia di studenti in alternanza scuola-lavoro e lavoratori assunti con contratti a tempo limitato. Per molti critici FICO è l'ennesimo prevedibile centro commerciale, per altri può invece essere un buon valorizzatore del comparto agroalimentare.
Sembra che non si riesca mai a trovare un compromesso utile tra la sacrosanta esigenza dell'alternanza scuola-lavoro e il diritto degli studenti a non essere sfruttati da imprenditori senza scrupoli.
E rimangono senza risposta le domande sull'agricoltura biologica, sulla sostenibilità, trasparenza e tracciabilità dei prodotti, sul sistema commerciale dell'agroalimentare, sulla relazione tra grandi aziende e piccoli indotti, sul consumo equo e sulle macrotendenze del consumismo moderno.
L'unica cosa certa è il salario dei lavoratori di FICO: magrissimo.




1 dicembre 2017

Oggi nel 2017...


Dare visibilità ai neofascisti è un errore, accresce e moltiplica il loro seguito. 

Li fa apparire vittime del sistema.
Dovrebbe saperlo anche un bambino, o al limite anche il più mediocre studente che all'Università si è ricordato di dare un'occhiata ai testi di Herbert Marshall McLuhan.
Evidentemente i nostri giornalisti, ma anche molti osservatori politici, non lo sanno e non l'hanno fatto.
Il nostro è un Paese pieno di ignoranti inconsapevoli.

Quello che va fatto, per battere fascismi, violenze e razzismi, è far vedere in positivo che cosa siamo capaci di costruire per la libertà, la democrazia, la società italiana di cui vogliamo essere orgogliosi.

Non serve celebrare, non serve fare leggi che proibiscono, non serve lamentarsi e piangere.

Serve anzitutto studiare la storia, la Storia che ci ha portato ad essere ciò che siamo, liberi da dittature, forti di un ordinamento costituzionale che è il contrario del fascismo.

Perchè, se si è ignoranti, serve ricordare che il fascismo ci ha condotto ad aggredire popoli che nulla avevano fatto agli italiani, e a invadere, o offendere, terre e nazioni che mai ci avevano offeso: Etiopia, Spagna, Francia, Gran Bretagna, Grecia, U.S.A, Russia...
Ed è considerevole ricordarsi che, oltre a iniziare per primi la guerra, e senza alcuna ragione, il regime fascista non aveva neanche messo i soldati italiani nella condizione di combatterla, la guerra.
Me lo ricordava sempre mio padre, partito volontario, con gli scarponi di cartone pressato sul fronte greco, ottobre 1940: non c'erano scarpe, divise, armi, munizioni; e i greci picchiavano forte con le artiglierie per difendere la propria libertà,  ci ricacciavano in Albania, l'Albania che gli italiani avevano occupato, senza chiedere l'opinione degli albanesi, nel 1939.
Il regime era lo stesso che il 17 novembre 1938 aveva promosso le "leggi razziali", intrapreso la guerra e le persecuzioni razziste, mostrato tutta l'inferiorità economica e tecnologica, oltre che organizzativa, rispetto alle società cresciute con gli ideali della libertà.
Il regime condusse l'Italia alla più vergognosa delle sconfitte.

Serve inoltre praticare la libertà. Sì, la libertà. Perchè diciamolo: quei poveretti vestiti di nero che credono di amare la Patria, che invece insultano con la loro ignoranza, fanno veramente pena. 

Poveracci, ma non hanno qualche interesse culturale, una fidanzata, un po' d'allegria, una serata in cui escono e fanno quello che noi persone civili facciamo? 
Non hanno niente da fare che prendersela con persone pacifiche che fanno il loro lavoro? Poveracci!

Sì, si deve smettere di dare voce e visibilità a questa gentucola. E' come la storia del femminicidio: parlare di quello che butta l'acido alla fidanzata spinge all'emulazione. Leggetevi McLuhan. Di questa robaccia si deve parlare, ma senza foto e video, senza ridondanza, mera informazione asettica. 

Leggetevi anchHans Magnus Enzesberger o, almeno, Umberto Eco. 

Piuttosto: che si rinnovi ogni giorno il nostro impegno al dialogo, al rafforzamento della democrazia, e soprattutto alle iniziative che nel territorio producono tessuto civile, educazione alla pace, conoscenza della Storia, recupero della nostra Memoria.


Piuttosto: che i partiti democratici ritrovino il rispetto reciproco e il piacere del confronto, lo sviluppo delle idee, la passione per ricostruire il nostro Paese. 


Piuttosto: che la politica sia liberata da impresentabili, furbetti e corrotti di ogni tipo. L'antifascismo, oggi nel 2017, è anche tutto questo...